PANE PITA (PANE ARABO)

Il PANE PITA   è un tipo di pane lievitato, piatto e rotondo ed è tradizionale dei popoli  del Medio Oriente  e del Nord Africa .

Anche conosciuto come pane arabo o libanese , per la sua forma rotonda e , completamente vuota dentro, viene utilizzato per contenere carni come il KEBAB  e la ricetta la trovate quì e salse come la tzatziki e insalate fresche .

La peculiarità di questo tipo di pane, e cioè il totale vuoto interno che lo assimila ad una tasca, ad un contenitore, è ottenuto dalla cottura in forno o su pietra, ad altissima temperatura , per pochi minuti. 



Ingredienti per 4 persone:
– 500 gr. farina di semola rimacinata Ruggeri
– 250 gr. acqua tiepida  (dose indicativa)
– 1 cucchiaino e mezzo di sale
– 1 cucchiaino di zucchero
– 1 bustina di lievito disidratato oppure 20 gr. lievito di birra fresco
– 1 cucchiaio di olio d’oliva

Procedimento:
– in una planetaria inserire la farina , lo zucchero e il lievito sciolto in poca acqua tiepida
– impastare aggiungendo l’acqua lentamente. 
– Aggiungere altra acqua , qualora sia necessario, dipende dal tipo di farina usata, e il sale ,  sino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. 
– porre l’impasto in una ciotola, coprire con uno strofinaccio pulito e una copertina e lasciare lievitare sino al raddoppio
– riprendere l’impasto e dividerlo in pezzi da 100 gr.
– formare delle palline, senza schiacciare o sgonfiare l’impasto e stenderle, delicatamente con un mattarello, formando dei dischi di 10 cm di diametro
– adagiare i dischi su teglie ricoperte di carta forno e lasciare lievitare, nuovamente, per circa mezz’ora
– nel frattempo accendere il forno e portarlo alla massima temperatura
– infornare il pane e cuocere , possibilmente in modalità VENTILATO, per 5 minuti, controllando dal vetro perchè ogni forno è diverso dall’altro
– vedrete i dischi di pane gonfiarsi e poi dorarsi lievemente
– sfornare 


KEBAB E PANE PITA HOMEMADE

Kebab è una parola di origine persiana e significa “arrostito” tipico “street food” dei Paesi mediorientali.
 Si tratta di una preparazione di carne, in genere montone o agnello, la cui polpa, tagliata a striscioline, veniva cotta su una piastra di metallo caldissima.
Può essere consumato in un piatto oppure essere utilizzato come farcitura di pane arabo detto pane pita o  piadine.
Noi adoriamo il kebab e capita di consumarlo in locali del centro storico palermitano. Buonissimo, sapientemente speziato, servito su  ricche e freschissime insalate, è una valida alternativa per passare una serata in compagnia senza spendere un capitale nei ristoranti.
Da tempo pensavo di provare  a farlo a casa e, la scorsa settimana, mi sono cimentata. 
Si possono utilizzare tutti i tipi di carne : agnello, montone, pollo, tacchino, manzo . Tradizionalmente non si usa il maiale perchè i Paesi nordafricani sono musulmani e non la mangiano ma , ovviamente, chi la preferisce può utilizzarla. 
Io l’ho preparato con carne d’agnello, molto piu’ vicino al nostro gusto, dato che  il montone richiede una marinatura piu’ lunga , per via dell’odore di selvatico , e petti di pollo.
Ho anche fatto tanti pani “Pita” per accompagnarlo (a breve posterò la ricetta), e una ricca insalata fresca. 
A parte ho fatto la salsa tzatziki  con yogurt e aglio. Insomma, vi assicuro che il procedimento è semplice e farete contenta tutta la famiglia!!!



Ingredienti per 4 persone:
per il kebab:
– 1\2 kg di petti di pollo
– 1\2 kg di polpa di agnello tagliata e fettine e battuta

– 4 cucchiai di spezie così miscelate:


1 cucchiaino di aglio
3 cucchiaini di cipolla disidratata
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di peperoncino in polvere
3 cucchiaini di cumino
4 cucchiaini di coriandolo
– 2 limoni  (il succo)
– 1\2 bicchiere di olio extravergine d’oliva      


ingredienti per la salsa tzatziki:

– 250 gr. di yogurt greco
– 1 cucchiaio di olio d’oliva extravergine
– 1 spicchio d’aglio
– 1 cucchiaino di sale
– 1 cucchiaino di erba cipollina fresca o secca


Per assemblare il piatto 800 gr. di insalata mista , a piacere
Procedimento per il KEBAB:
– in una capiente ciotola versa il succo dei limoni, l’olio l’oliva, le spezie e mescolare bene
– versare le carni e massaggiarle con la marinata. riporre in frigo per 4 ore, mescolando ogni tanto

– in una larga padella antiaderente cuocere le fettine di carne da entrambi i lati , sino ad esaurimento degli ingredienti

– affettare sottilmente la carne e tenere da parte

– quando sarà tutta affettata, rimetterla nella larga padella con la marinata avanzata e fare soffriggere a fuoco forte per 1 minuto, mescolando. Mettere da parte
– nel frattempo preparare la salsa tzatziki    (io nel Bimby)    mettendo nel boccale lo yogurt greco, 1 spicchio d’aglio, erba cipollina eun pizzico di sale e frullare   30 sec. vel 7. mettere da parte           

– assemblaggio del piatto:
– disporre nei piatti un letto di insalata fresca (non condita)
– aggiungere al centro la porzione di KEBAB desiderata
– irrorare abbondantemente con la salsa tzatzichi il piatto e mescolare bene tutto
– servire con pane pita        

                               

KEBAB E PANE PITA HOMEMADE

Kebab è una parola di origine persiana e significa “arrostito” tipico “street food” dei Paesi mediorientali.
 Si tratta di una preparazione di carne, in genere montone o agnello, la cui polpa, tagliata a striscioline, veniva cotta su una piastra di metallo caldissima.
Può essere consumato in un piatto oppure essere utilizzato come farcitura di pane arabo detto pane pita o  piadine.
Noi adoriamo il kebab e capita di consumarlo in locali del centro storico palermitano. Buonissimo, sapientemente speziato, servito su  ricche e freschissime insalate, è una valida alternativa per passare una serata in compagnia senza spendere un capitale nei ristoranti.
Da tempo pensavo di provare  a farlo a casa e, la scorsa settimana, mi sono cimentata. 
Si possono utilizzare tutti i tipi di carne : agnello, montone, pollo, tacchino, manzo . Tradizionalmente non si usa il maiale perchè i Paesi nordafricani sono musulmani e non la mangiano ma , ovviamente, chi la preferisce può utilizzarla. 
Io l’ho preparato con carne d’agnello, molto piu’ vicino al nostro gusto, dato che  il montone richiede una marinatura piu’ lunga , per via dell’odore di selvatico , e petti di pollo.
Ho anche fatto tanti pani “Pita” per accompagnarlo (a breve posterò la ricetta), e una ricca insalata fresca. 
A parte ho fatto la salsa tzatziki  con yogurt e aglio. Insomma, vi assicuro che il procedimento è semplice e farete contenta tutta la famiglia!!!



Ingredienti per 4 persone:
per il kebab:
– 1\2 kg di petti di pollo
– 1\2 kg di polpa di agnello tagliata e fettine e battuta

– 4 cucchiai di spezie così miscelate:


1 cucchiaino di aglio
3 cucchiaini di cipolla disidratata
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di peperoncino in polvere
3 cucchiaini di cumino
4 cucchiaini di coriandolo
– 2 limoni  (il succo)
– 1\2 bicchiere di olio extravergine d’oliva      


ingredienti per la salsa tzatziki:

– 250 gr. di yogurt greco
– 1 cucchiaio di olio d’oliva extravergine
– 1 spicchio d’aglio
– 1 cucchiaino di sale
– 1 cucchiaino di erba cipollina fresca o secca


Per assemblare il piatto 800 gr. di insalata mista , a piacere
Procedimento per il KEBAB:
– in una capiente ciotola versa il succo dei limoni, l’olio l’oliva, le spezie e mescolare bene
– versare le carni e massaggiarle con la marinata. riporre in frigo per 4 ore, mescolando ogni tanto

– in una larga padella antiaderente cuocere le fettine di carne da entrambi i lati , sino ad esaurimento degli ingredienti

– affettare sottilmente la carne e tenere da parte

– quando sarà tutta affettata, rimetterla nella larga padella con la marinata avanzata e fare soffriggere a fuoco forte per 1 minuto, mescolando. Mettere da parte
– nel frattempo preparare la salsa tzatziki    (io nel Bimby)    mettendo nel boccale lo yogurt greco, 1 spicchio d’aglio, erba cipollina eun pizzico di sale e frullare   30 sec. vel 7. mettere da parte           

– assemblaggio del piatto:
– disporre nei piatti un letto di insalata fresca (non condita)
– aggiungere al centro la porzione di KEBAB desiderata
– irrorare abbondantemente con la salsa tzatzichi il piatto e mescolare bene tutto
– servire con pane pita        

                               

INVOLTINI PRIMAVERA

Gli Involtini Primavera , tipici della cucina cinese, sono, di certo una delle portate piu’ famose e apprezzate nel Mondo. 

Deliziosi, profumanti e fragranti, in una sfoglia sottilissima racchiudono una farcia deliziosissima!!
Io adoro la cucina cinese e, durante i miei viaggi, faccio sempre una puntatina in un ristorante tipico. 
I migliori, secondo me, sono a New York, dove ho mangiato talmente bene che non sarei piu’ andata via…. 
Purtroppo, in Italia, quasi mai ho trovato tanta qualità negli ingredienti e perizia nella preparazione…e questo mi ha spinta, parecchi anni fa, ad imparare alcuni piatti, i piu’ noti e gustosi per le nostre abitudini alimentari e a riprodurli a casa.
In questo blog, sotto l’etichetta “CUCINA ETNICA” ne troverete vari.
Oggi vi propongo gli INVOLTINI PRIMAVERA . Un goloso antipasto che conquisterà tutti. Io aggiungo anche delle listarelle di lonza di maiale ma se siete vegetariani e volete omettere questo ingrediente, vi assicuro che, il risultato sarà altrettanto perfetto.
La ricetta è semplicissima , dovrete solo acquistare le sfoglie di farina di riso , in vendita in tutti i supermercati, sia surgelate che fresche.
Per addensare lievemente il ripieno , il cui sughetto potrebbe provocare dei piccoli buchi nella sfoglia, prima di essere fritto, si dovrà aggiungere un cucchiaino di maizena, sciolto in una tazzina con un cucchiaio di salsa di soia, alla farcia.

Accompagnare gli involtini con una generosa dose di SALSA AGRODOLCE  e la ricetta la trovate QUI’

                                              Piatto e tovagliette GREENGATE 

Ingredienti per 4 persone:
– 8 fogli di riso per Involtini Primavera
– 150 gr. di verza lavata e affettata sottilmente
– 6 cipollotti mondati e affettati
– 150 gr. di carote pelate e affettate con il pelapatate oppure a julienne
– 100 gr. di coste di sedano tagliate a julienne
– 150 gr. di fettine sottilissime di lonza di maiale tagliate a bastoncini
– 1 barattolo da 180 gr. di germogli di soia
– 1 cucchiaino di maizena
– 5 cucchiai di salsa di soia Kikkomen
– 4 cucchiai di olio d’oliva extravergine
– olio per friggere
-salsa agrodolce e la ricetta la trovate quì

Procedimento:
– affettare le verdure
– in una larga padella mettere l’olio d’oliva e i cipollotti affettati
– soffriggere a fuoco basso per 3 minuti
– aggiungere tutti gli altri ingredienti , aggiustare con poco sale e cuocere , a fuoco basso e con il coperchio, per 10 minuti
– aggiungere i germogli di soia
– aggiungere la maizena sciolta nella tazzina con la salsa di soia e mescolare
– aggiungere il resto di salsa di soia e cuocere, mescolando, per due minuti
– togliere dal fuoco e lasciare raffreddare
– nel frattempo, con delicatezza, scollare i fogli di riso e stenderli su un tagliere
– mettere sulla sfoglia un cucchiaio abbondante di farcia e avvolgere, come dalla foto
– nel frattempo mettete l’olio di semi in una padella capiente e a bordi alti e friggere gli involtini, brevemente, girandoli da tutte le parti
– metterli su un foglio di carta da cucina per assorbire l’eccesso d’olio
– consumare caldi intingendoli nella salsa agrodolce

POLLO ALLA CINESE E RISO A VAPORE

Pollo e riso , ricetta cinese!!
Con grandissimo piacere pubblico questo post………… per molteplici motivi:


Il primo perché sono siciliana, in particolare palermitana, e in quanto tale, adoro tutto ciò chè è diverso da me, etnico. 
La tolleranza, la fratellanza, sono nel nostro DNA, in quanto da sempre, nella nostra terra, convivono nuclei di popoli di altre etnie, con usanze, culture e umanità tanto diverse da noi e tanto ricche.
Credo che Palermo sia, forse, l’unica città in Italia dove, nel centro storico, il nome della via è riportato in arabo e in italiano e dove ci sono tantissime botteghe dove si trovano prodotti tipici, ortaggi,carni, pesci essiccati, spezie e quant’altro tipico della gastronomia esotica, da sempre.
Siamo abituati a trarre spunti ed esperienze da questi nostri concittadini, per arricchirci in ogni settore. 
Fatta questa premessa, vorrei postare la ricetta di un piatto cinese che amo molto e che gode di grande popolarità tra i miei amici: 
IL POLLO e RISO  A VAPORE.
L’esecuzione potrà sembrarvi complessa, ma l’impressione è data dal numero degli ingredienti.
Vi consiglio di provarla perché il risultato e la prelibatezza compensa il lavoro.


Ingredienti per 4 persone:

-350 gr, petti di pollo a cubetti (grossi come un dado per brodo)
-3 albumi
-2 cucchiai maizena
-8 cucchiai salsa di soia
-5 cucchiai di acqua tiepida
-12 cipollotti oppure 3 cipolle bianche
-1 cucchiaino peperoncino macinato
-Olio d’oliva qb
-3 spicchi d’aglio schiacciati
– 400 gr. di riso  “Apollo”   Chicchi d’Angelo  iFerrari  

Procedimento:

–    – In una ciotola sbattere gli albumi con un pizzico di sale e aggiungere la maizena setacciata.

–    – Mescolare con una frusta, anche elettrica,sino a che diventa una pastella fluida.
     – Mettere i cubetti di pollo nella pastella e porli in una padella con olio d’oliva caldo e friggere sino a che diventano appena dorati.

–   – Scolarli con un mestolo forato e poggiarli su carta assorbente.

–   – Mettere da parte
 – In un wok o una larga padella antiaderente mettere abbondante olio d’oliva e i cipollotti mondati e affettati sottilmente e il peperoncino

  – Lasciare stufare a fuoco bassissimo con un coperchio sinchè diventano morbide, ma non bruciate
–  – Aggiungere  gli spicchi d’aglio schiacciati e lasciare rosolare per 3 o 4 minuti
   – Aggiungere i cucchiai di acqua calda

–  – Aggiungere la salsa di soia, mescolare –  Lasciare cuocere a fuoco bassissimo per 10 minuti, mescolando ogni tanto

–   –  Non aggiungere sale al pollo perché la salsa di soia è salata
– – aggiungere i bocconcini di pollo fritti e cuocere, tutto insieme, per 5 minuti, mescolando
– spegnere il fuoco e mettere da parte

Nel frattempo cuocere il riso a vapore:
 – mettere in uno scolapasta 2 bicchieri i riso  e sciacquarlo a lungo sotto il rubinetto
–   – in una pentola mettere il riso e quattro bicchieri di acqua fredda, il sale e mescolare , portare a bollore con il coperchio
–   – appena raggiunto il bollore, spegnere il fuoco e lasciare riposare per 20 min.
–   – dopo di ciò togliere il coperchio e sgranare il riso con una forchetta
–   – comporre il piatto con una cupoletta di riso  e qualche cucchiaiata di pollo con il fondo di cottura di cipollotti e salsa di soia
–   

.

con questa ricetta partecipo al programma di affiliazione